SEGA dreamcast ritaratura laser

Regolazione e taratura del trimmer che regola i valori di lettura del laser del lettore della Sega Dreamcast.

Difficoltà: 1/5

Componenti necessari:

  • SEGA Dreamcast
  • Alcol etilico
  • Multimetro
  • pazienza
  • pazienza
  • un altro po’ di pazienza

Strumenti necessari:

  • Cacciavite Philips (cacciavite a stella)
  • Cacciavite piatto per minuteria
  • Panno morbido o bastoncino di ovatta

Introduzione e informazioni utili:
La sega Dreamcast è rimasta nei cuori di tutti gli appassionati di retrogame per il suo immenso potenziale e le innovazioni che ha portato nel mondo dei videogiochi. Tra le sue caratteristiche è però presente una lettore GD-Rom che purtroppo è solito presentare problemi di taratura col passare del tempo (anche a causa del continuo uso di CD masterizzati negli anni).
Possiamo tentare di far tornare indietro le lancette dell’ orologio e ritarare la Dreamcast per fare in modo che il laser torni ai fasti di un tempo, o quasi..
La ritaratura dell’ laser risolve il problema nell’ 70-80% dei casi, e vede come unica alternativa la sostituzione del gruppo lente oppure una modifica radicale con l’ installazione del GDEmu o similare.
Ma andiamo con ordine.

La Sega Dreamcast indistintamente dalla regione (PAL , JAP , USA) montava principalmente due diversi lettori ottici: Yamaha e Samsung con piccole varianti (estetiche e funzionale):

L’ originale Yamaha montato nelle Dreamcast VA0 con laser NEC  SPU-3200 16 pin che lavora a 5v

 

 

 

Samsung montato nelle Dreamcast VA1 con laser JVC SOH-R48G 16pin che lavora a 3.3v

 

 

 

L’ ultimo modello Yamaha montato nelle Dreamcast VA1 con laser NEC SPU-3200 16 pin che lavora a 3.3v

 

 

Generalmente sembra possibile montare l’ SPU-3200 nei lettori Samsun, ma non viceversa (non l’ ho mai verificato).

Attenzione, il 90% dei laser che acquistate su ebay e affini sono usati e non funzionano. Nel caso migliore necessitano di una taratura e ovviamente della rimozione della protezione.

Prima di procedere alla ricalibrazione consiglio di fare un semplice tentativo ripulendo il laser con un cotton-fioc imbevuto nell’ alcol e passandolo delicatamente sulla lente del laser della Dreamcast. Talvolta il problema di un laser e semplicemente un po’ di sporco sulla sua superfice.

Procediamo con la ritaratura della lente della Sega Dreamcast:
Apriamo quindi la console, estraiamo il modem laterale e svitiamo le quattro viti di colore nero:

Localizziamo (facilmente) il voluminoso GD-Rom della Sega Dreamcast, controlliamone il modello e procediamo a liberare i cavi del laser dai gancetti laterali:

 

Spostiamo in alto il laser e capovolgiamo l’ unita ottica della Dreamcast:

 

Localizziamo il trimmer del laser della lettore ottico e dove appoggiare i puntali del multimentro per mirurane il valore

 

 

 

Settiamo il multimentro sulla scala degli Ohm e procediamo alla misurazione e lettura con la Sega Dreamcast spenta. Nel mio caso rileva 620 ohm. Appuntatevi questo valore in modo che non perdiate il suo valore predefiinito come metro di misura futuro.

 

 

Questo è il valore di fabbrica della vostra lente (sempre che qualcuno non l’ abbia aperta precedentemente e ritentato una taratura).  Al fine di non bruciare la lente non bisognerebbe mai distanziarsi di più di 150/200 ohm dal valore di fabbrica. Nel mio caso non dovrei mai scendere sotto i 450 ohm ad esempio.

Il trimmer della Dreamcast è molto sensibile, quindi necessita di movimenti di pochi gradi, quasi impercettibili. Ad ogni tentativo appuntatevi il valore e rimontate sommariamente la console e testatela.

Fate molta attenzione nel caso volete testarla da aperta, nella parte sinistra della console è presente il circuito di alimentazione dove passano 220v. Quindi fate molta attenzione.

 

 

Se decidete di testarla da aperta ricordate di premere la piccola leva che controlla la chiusura dello sportello della console, in modo che la Dreamcast penserà (si, anche le console pensano eheh) che il vano sia chiuso:

 

 

Generalmente i laser dei GD-Rom Yamaha montati nei primi modelli di Dreamcast erano leggermente migliori e più affidabili ed hano valori di fabbrica più alti (intorno agli 800/100 ohm).
Dovete armarvi di tanta pazienza e provare un infinità di volte per trovare il giusto valore che vi permette di avere un ottima lettura, quindi consiglio di testarla con giochi che hanno un video iniziale e controllare se questo risulta fluido.

Se dopo mille tentativi e 5 camomille vi parte solo un gioco o meno e la Dreamcast legge solo sotto i 400 ohm, allora non perdete ulteriore tempo. Dovete cambiare il laser o l’ intero lettore (in quest’ ultimo caso controllatene sempre il voltaggio, 3.3v o 5v)

So che è possibile utilizzare dei laser anche da lettori di vecchi pc (ad esempio il Creative CD5233E), ma non n ho esperienza diretta e si andrà in contro a limitazioni (leggere solo copie backup, impossibilità di leggere CD-RW, possibili riadattamenti del vano, etc..)

In alternativa potete optare per una SD-mod o GD-emu, abolendo di fatto il lettore.

Se invece tutto è andata a buon fine, complimenti! Buon gioco e limitate sempre l’ uso delle coie backup al minimo indispensabile!

Se hai apprezzato l’ articolo, condividilo sui social! Inoltre lascia un mi piace sulla mia pagina facebook e suguimi su Twitter e Google+!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.